In questo blog voglio raccontare e trasmettere le storie di questi uomini diventati soldati e che oggi a cent’anni di distanza non vengano dimenticati.
Sono storie nella storia di quella che fu la Grande Guerra.
Questi caduti sono morti sul carso, in quei due anni e mezzo di sanguinose battaglie, molti di questi oggi riposano al sacrario di Redipuglia con un nome, ma per la maggior parte questo non è stato possibile. Voglio così onorare la loro memoria con questo mio tributo.

Vorranno dimenticarvi, vorranno che io dimentichi, ma non posso e non lo farò. Questa è la mia promessa a voi a tutti voi.

Vera Brittain

Chi sono

Mi chiamo Mauro Ambrosi sono nato e vivo a Trieste.
Sono un appassionato della Grande Guerra da quando ero piccolo, e  piano piano questa passione si è fatta largo nella mia vita, portandomi sempre piu' a cercare le vicende di quella guerra e a visitare i luoghi delle battaglie oggi ritornati verdeggianti.
Con questo blog, voglio dare memoria a chi ha combattuto, ha sofferto ed è morto in quella guerra, sul fronte del carso.







43 commenti:

  1. Bravissimo Mauro!
    Sapevo che questo giorno sarebbe arrivato e i "tuoi" caduti avrebbero riavuto un volto, una storia che il tempo aveva fatto cadere nell'oblio!
    Sono sicuro che loro te ne saranno grati e anche tutti noi che di queste microstorie personali siamo appassionati! Federico S.

    RispondiElimina
  2. delicatezza, sensibilità e tanta passione dietro questo lavoro....
    Nessuno meglio di te poteva fare un "blog" per loro...
    Per non dimenticarli e per non dimenticarci....che dietro ogni nome c'è sempre un volto, una storia....

    RispondiElimina
  3. Mauro, grazie per il tuo lavoro!

    RispondiElimina
  4. Ciao Mauro, posso solo augurarti, ma conoscendoti ne sono convinto, di riuscire anche in questo tuo blog a trasmettere le stesse emozioni che da anni ci regali nel nostro forum.

    RispondiElimina
  5. Ciao Daniele, ti ringrazio tanto per l'augurio e non solo.
    Grazie per l'amicizia che in tanti anni ci ha permesso
    di condividere questa nostra passione con il cuore.

    RispondiElimina
  6. Caro Mauro, complimenti vivissimi e grazie di cuore

    RispondiElimina
  7. Ciao Mauro, bellissima iniziativa, spero vivamente che ti possa dare tanta soddisfazione perché è un componente, assieme alla sensibilità e al non voler dimenticare, indispensabile al carburante che che ci da l'energia e che permette di andare avanti.

    RispondiElimina
  8. ciao ho trovato il tuo blog per caso , e una bellissima iniziativa per mantenere sempre viva questa storia ma per ricordare di più chi e morto per noi. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio moltissimo per il tuo intervento, grazie di cuore

      Elimina
  9. ...splendido lavoro! Omaggio grande a tutti i nostri Caduti, che li onora ricordandoli. Un saluto grandissimo caro Mauro. CGR

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio tantissimo, Un Caro Saluto

      Elimina
  10. Grande Mauro con il tuo contributo arricchisci il ricordo dei caduti

    RispondiElimina
  11. Caro Mauro, ti ringrazio per la tua sensibilità verso che ha dato lavita anche per noi, strappato dalla "terra" che tanto amava e figlio di una cultura di pace quale quella contadina (per lo più). Penso che se abbiamo dignità e benessere lo dobbiamo anche a chi è caduto nella Grande Guerra. Anche io ne sono affascinato in seguito a racconti familiari ed a una sensibilità personale. Anche se sono relativamente giovane (51 anni) vorrei che tanti ragazzotti di oggi prendessero coscienza che se hanno lo "smart phone" lo devono anche a chi alla loro età non ha avuto la stessa fortuna ma a dato la vita con grande senso di responsabilità. Grazie by Mauro Nocentini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mauro di cuore a te, per quello che hai scritto, che condivido al 100%..

      Elimina
  12. Gentilissimo Mauro, mi permetto darti del tu perché ormai sono un nonno, classe 1937, sono figlio di "UN RAGAZZO DEL 99" che ha combattuto sul Piave come SERGENTE NEL 7° REGG. FANTERIA BRIG. "CUNEO" e sono anche nipote di un caduto sul Carso, fratello di mio padre però classe 1896 Soldato del 67° regg. fant. 687 COMPAGNIA MITRAGLIERI aggregato alla BRIG. "MASSA CARRARA morto il 20 Agosto 1917 a DOSSO FAITJ. Ti scrivo queste note sperando ti possano servire. Ti ringrazio per l'encomiabile lavoro che svolgi per il ricordo dei nostri caduti. FRANCO BERTUZZI

    RispondiElimina
  13. La Ringrazio veramente tanto e fa benissimo a darmi del tu, mi scuso per il ritardo nel rispondere, se desidera mi farebbe molto piacere inserire nel mio blog lo zio caduto sul Dosso fajti, se magari ha i suoi dati, o qualche foto,la prego di contattarmi tramite la mail del sito
    cadutiggsulcarso@libero.it

    Spero di avere presto sue notizie.

    Un caro Saluto

    Ambrosi Mauro

    RispondiElimina
  14. Sono arrivata al suo sito nelle mie ricerche per ricostruire la storia di mio nonno Caputano Michele, disperso sul Carso, con la sua data di morte 30 marzo 1917 e il suo reggimento, 47° della Brigata Ferrara, ho scoperto anche il nome del suo Capitano: Lanza Antonio,e grazie a lei ho altri particolari e fotografie. Grande e appassionato lavoro, grazie di cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono io a Ringraziarla di cuore

      Un caro Saluto

      Mauro

      Elimina
    2. Pietro Tagliatesta8 luglio 2015 10:39

      Caro Mauro
      Ho 60 anni e per molto tempo sono stato ignaro del destino di miei parenti che hanno combattuto sul Carso ma poi, forse per la mia vecchiaia incipiente, ti vengono pensieri. Ho avuto due zii, il fratello di mio nonno e quello di mia nonna, che hanno perduto la vita nei primi mesi di guerra. Zio Pietro un mese dallo scoppio delle ostilita' a Fogliano mentre lo zio Salvatore sul monte Mesola nell'ottobre dello stesso anno, 1915. Mio nonno Romolo invece fini' prigioniero dei tedeschi mentre era nei Lupi di Toscana. Ho richiesto all'archivio di Stato di Pesaro-Urbino i fogli matricolari per saperne di piu' e anche su un altro nonno, di cui porto nome e cognome con molta fierezza, ho trovato molto. Era in Artiglieria da Campagna e fu ferito gravemente sul Grappa. Grazie ancora per il tuo blog. Pietro Tagliatesta

      Elimina
  15. Il tuo onorevole lavoro lascerà sicuramente una traccia indelebile nel compito arduo di non disperdere la memoria ed i loro nomi non saranno solo fredde lettere sulla pietra.
    Ciao Nello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Nello per il tuo bel pensiero!!

      Mauro

      Elimina
    2. Ciao Mauro. Ho apprezzato il Carso nel lontano 1982 quando feci il militare nelal tua bella città. Essendo all'ospedale militare potevo avere molto tempo per girare e quindi ho iniziato a frequentare il carso isontino.
      Complice il fatto che la 1 guerra mondiale è sempre stato un periodo storico chemi ha affascinato.
      Ti chiedo alcune delucidazioni. Il carso è sempre sato rapprsentato brullo e sassoso nella storiografia della grande guerra. Da quando è diventato così verde? (Boschi etc etc) E' stato rimboschito? puoi consigliarmi degli itinerari "fuori" dal pecorso turistico relativi alla grande guerra nel settore ex Iugoslavo tra Castagnevizza, Devetachi ?
      Ti ringrazio. Quest'anno sarò a settembre Grado e sicuramente seguirò i tuoi consigli se vorrai darmene .
      Grazie.
      Giuseppe

      Elimina
  16. Grazie mauro per il tuo lavoro.
    Finalmente i protagonisti dei racconti di mio padre e mia zia, che mi riferivano quanto appreso dalla loro nonna paterna e da mio nonno sugli zii caduti nella Grande Guerra, hanno un volto. Finora, avevo visto solo i nomi al Sacrario di Redipuglia.
    Grazie ancora
    Marco Soldà

    RispondiElimina
  17. Gambino Silvestro di Antonino
    Soldato 20° Reggimento Fanteria, nato il 2 luglio a Troina, Distretto Militare di Catania, morto il 13 maggio 1917 sul Carso per ferite riportate in combattimento, di questo mi antenato Non sono riuscito a sapere oltre, se non quello raccontami da mio padre, ovvero che lanclanciò alle trincee al grido viva la patria. Sarei felice ed onorato di poter sapere qualcosa di più. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno

      la ringrazio per il suo intervento e relativa richiesta, non posseggo tanto materiale inerente al reparto del suo avo. Comunque se lei mi scrive a questo indirizzo vedo cosa posso fare per esserele d'aiuto.

      cadutiggsulcarso@libero.it

      Cordiali Saluti
      Mauro Ambrosi

      Elimina
  18. Sig. Mauro, io come comune cittadino di questo paese, ormai quasi senza identità, noto con piacere e ammirazione che ci sono persone come lei che credono ai valori, imprescindibili di cui un popolo deve essere Fiero. Onore ai Caduti Italiani di tutte le Guerre.

    RispondiElimina
  19. buonasera, forse Lei mi può aiutare, sul muro di una chiesetta a Roccasalli (accumoli)paese natìo di mio nonno, c'è una lapide dei "caduti per la grandezza della Patria" con il nome di De Simoni Giovanni fratello gemello di mio nonno. So solo che era un fante della 122 reggimento nato il 7 febbraio del 1894. Mi piacerebbe saperne di più. Dai racconti di mio padre era sul Carso....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera

      mi contatti via mail vedo se posso aiutarla con molto piacere

      cadutiggsulcarso@libero.it

      ambrosi amuro

      Elimina
  20. Complimenti per il tuo lavoro, ho lasciato un mio testo nella pagina dei pensieri, volevo chiederti come posso avere maggiori notizie di un mio zio morto sul monte San Michele, La data della sua morte è il 18/12/1915 il suo nome Di Palma Alfonso Caporale 131° reggimento fanteria. Filippo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto per aver scritto. Quello che posso dirti che il tuo Zio molto probabile che sia sepolto al Sacrario di Redipuglia tra gl'ignoti, non ho trovato il suo atto di morte per sapere almeno al sua prima sepoltura dopo la sua morte. Purtroppo la maggior parte dei caduti sono finiti sepolti nelle grande fosse degl' Ignoti.

      Un Cordiale Saluto
      Mauro

      Elimina
  21. Gentile sig. Mauro, mi chiamo Roberto Antonietti, di Milano e sono anche io un appassionato della Grande Guerra oltre che innamorato di Trieste, la sua citta', avendo svolto nel 1974 il servizio militare nel 151 rgt Sassari in trieste, appunto. Desidero ringraziarla per il suo sito, veramente molto bello. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ringrazio tantissimo Sig. Roberto Antonietti per il suo commento che ha espresso sul mio blog e sulla mia città, le sono veramente grato.

      Un Cordiale Saluto

      Mauro Ambrosi

      Elimina
  22. Buongiorno Mauro
    Mi chiamo Mauro Lusso e un mio prozio, Lusso Vittorio matricola 11596, morì (disperso) a Dosso Faiti il 23/05/1917. Era del 265° Reggimento Fanteria, 5° compagnia mitragliatrici leggere, 3° battaglione. Avrebbe notizie utili in merito? Vorrei chiederLe, visto che tra il 14 e il 15 aprile andrò a Dosso Faiti, quali sono i cimiteri militari e ossari nella zona slovena. Ringrazio cordialmente. Mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera Mauro, la ringrazio per aver scritto sul mio blog, se mi lascia la sua mail vedo di darle informazioni in merito ala sua richiesta.
      può scrivermi qui : cadutiggsulcarso@libero.it
      Riguardo ai cimiteri militari in Slovenia ce ne sono diversi ma tutti Austriaci,

      Cordiali Saluti
      Mauro Ambrosi

      Elimina
  23. Salve Mauro
    Mi scuso per il ritardo con cui rispondo e la ringrazio della risposta. Mia mail: info@lussomirto.it. Domani 16/04 andrò a Dosso Faiti. Buona Pasqua

    RispondiElimina