In questo blog voglio raccontare e trasmettere le storie di questi uomini diventati soldati e che oggi a cent’anni di distanza non vengano dimenticati.
Sono storie nella storia di quella che fu la Grande Guerra.
Questi caduti sono morti sul carso, in quei due anni e mezzo di sanguinose battaglie, molti di questi oggi riposano al sacrario di Redipuglia con un nome, ma per la maggior parte questo non è stato possibile. Voglio così onorare la loro memoria con questo mio tributo.

Vorranno dimenticarvi, vorranno che io dimentichi, ma non posso e non lo farò. Questa è la mia promessa a voi a tutti voi.

Vera Brittain

domenica 8 ottobre 2017

Soldato BOSCHI Giuseppe






15° Fanteria Brigata Savona

Nato a  Alessano 15 Agosto 1895
Morto il 9 Agosto 1915 a Villa Vicentina  presso l'Osp. da Campo  058 per ferite da combattimento
Sepolto presso il Sacrario di Redipuglia 3° Gradone  Loculo 4942 


Decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare 


Si recava volontario sotto il reticolato nemico per deporvi tubi esplosivi e veniva colpito a morte mentre, con ardimento, attendeva alla rischiosa opera.
Polazzo, 2 Luglio 1915 

Note Storiche:

2 Luglio 1915, 
1^ battaglia dell'Isonzo, il Comandante della 20^ Divisione il Ten. Generale Edoardo Coardi di Carpenetto, alla quale dipendeva la brigata Savona e di conseguenza i suoi due reggimenti di fucilieri 15° e 16° , riunisce a rapporto i Comandanti delle due Brigate (Savona e Cagliari)  nonchè il Comandante delle Gruppo di Artiglierie da Campagna e da le seguenti direttive per l'attacco di Monte Sei Busi, e Quote 89 e 111 indispensabili ad occuparsi e fa i migliori auspici perchè le truppe abbiano l'onore di vincere tale resistenza soggiungendo che promette ricompense la primo reparto che sorpasserà i trinceramenti ed occuperà le trincee nemiche.
L'azione sarà preceduta da intenso fuoco di artiglieria pesante e da campagna che durerà 3 ore dalle 7 alle 10, tiro di precisione per non colpire le fanterie addossate ai reticolati, per sconvolgere i reticolati ed i trinceramenti.
La (16^n.a.) compagnia zappatori del Genio, precederà le fanterie per la posa dei tubi esplosivi ed aprire varchi nei reticolati subito dopo di che le fanterie dovranno irrompere nei reticolati. Stabilisce a ciascun comandante di gruppo d'artiglieria l'obbietivo da battere e ordina che il punto d'irruzione sia il saliente di quota 92 e 89 di fronte al quale punto trovansi il 1° e 3° battaglione del 15° con a rincalzo il battaglione del 64° che però ha già due compagnie frammischiate ai reparti  del 15° fanteria. 
Nella seconda fase dell'azione dovrà impedirsi il ritorno nei trinceramenti per parte del nemico occupandole con sezioni mitragliatrici.
Alle ore 7 comincia l'azione dell'artiglieria, mentre le truppe sguitano a rafforzarsi ed a mantenere con sacrifici le posizioni occupate. L'azione dell'artiglieria prosegue fino alle ore 11, squassando i trinceramenti, che vengono in parte abbandonati dal nemico. la compagnia zappatrori del Genio, precede il 15° fanteria ed apre qualche varco nei reticolati oltre a quelli aperti dall'artiglieria. la difesa è indebolita un trinceramento che ha battuto d''infilata continuamente il fianco sinistro del 15° fanteria viene abbandonatro ed alle 12.30 la 10^ Compagnia del 15° comandata dal Tenente di Complemento Santangelo comunica al proprio comandante di reggimento <<presa trincea - far battere bosco artiglieria>>. Il Colonnello Delli Ponti ne da di questa comunicazione al Comandante della Brigata alle ore 12.50 e tale comunicazione viane anche fatta a voce al Comandante della Divisione che trovasi presso il Comando di Brigata. Il 15° fanteria accompagna a Fogliano 53 prigionieri, le trincee vengono occupate e l'artiglieria insegue il nemico in ritirata col fuoco.
le trincee di fronte al 16° Fanteria sono anche prese d'infilata e di rovescio, ma con perdite, ed un contrattacco del nemico diretto contro il 63° fanteria produce l'arretramento di reparti di detto reggimento che si affollano in Polazzo. IUl Comandante della Brigata Savona che aveva già raggiunto detta località, raduna, arersta e rimanda al combattimento la gente dispersa e in movimento restrogado della Brigata Cagliari. Detta operazione si esegue sotto la direzione personale del Comandante della Brigata Savona, e del personale dello stesso Comando, soggetti a fuoco di fucileria ed artiglieria avversarie.
Il Comandante della Brigata Savona addita al Comandante della Brigata Cagliari la bella prova fatta dal Vice Brigadiere Viviani e dal Tenente Colonna Giuliano e gli dice di  proporli per la medaglia perchè " si adoperavano con energia ed artditezza a radunare arrestare e ricondurre al combattimento truppe di altri reggimenti che avevano indietreggiato perchè prese dal panico.
il 15° e 16° fanteria prima dell'imbrunire si rafforzano nelle posizioni e vi persnottano, prendendo le più severe misure di sicurezza, per evitare sorprese e tantativi di sorprese e di contrattacchi nemici e per sgombrare  dai tiratori nemici che ancora si celano nele trincee di fonte alò 16°. Il Comando della Brigata pernotta a Polazzo.


mappa con le segnate linee Austriache a inizio conflitto (Archivio Nicola Persegati)





Veduta verso Quota 89 dalla quota 92  







Nessun commento:

Posta un commento