In questo blog voglio raccontare e trasmettere le storie di questi uomini diventati soldati e che oggi a cent’anni di distanza non vengano dimenticati.
Sono storie nella storia di quella che fu la Grande Guerra.
Questi caduti sono morti sul carso, in quei due anni e mezzo di sanguinose battaglie, molti di questi oggi riposano al sacrario di Redipuglia con un nome, ma per la maggior parte questo non è stato possibile. Voglio così onorare la loro memoria con questo mio tributo.

Vorranno dimenticarvi, vorranno che io dimentichi, ma non posso e non lo farò. Questa è la mia promessa a voi a tutti voi.

Vera Brittain

giovedì 30 luglio 2015

S.Tenente RAU Antonio




14° Fanteria Brigata Pinerolo

Nato a  Tempio Pausania
Morto il 3 Aprile 1916 sul Carso
Sepolto a------ 




Note Storiche:

La Brigata Pinerolo, nell'Aprile 1916 occupava il settore tra Vermegliano e Monfalcone, e faceva parte unitamente alla Brigata Acqui alla 14^ Divisione.
A seguito di notizie intercettate al nemico il giorno 3 Aprile verso le ore 9 era atteso un fuoco di artiglieria , seguito poi dall'attacco delle fanterie nella zona di Selz.
Ci fu, solamente il previsto bombardamento di artiglieria, il quale provocò la morte oltre al S.Tenente Rau anche quello di 8 uomini di truppa.


Mappa della zona di Selz occupata dalla Brigata Pinerolo:





domenica 26 luglio 2015

Soldato BERTUZZI Fulvio





687^ Compagnia Mitraglieri FIAT

Nato a Bologna il 15 Novermbre 1896
Morto il 20 Agosto 1917 sul Dosso Fajti
Sepolto a --------- 


Note Storiche:

La 687^ Compagnia Mitragliatrici nell' agosto del 1917 apparteneva alla Brigata Massa Carrara, che nel corso dell'XI^  Battaglia dell'Isonzo, faceva parte con le Brigate Pallanza e Lombardia della 58^ Divisione XI° Corpo d'Armata. Nella giornata del 20 Agosto 1917,la Brigata Lombardia nella notte sostituisce la Brigata Massa Carrara,  per poi attaccare  la quota 464 e poi puntare verso le pendici nord-ovest del Golnek l'attacco ebbe inizio appena verso le ore 12.10 un battaglione il III/251° della Brigata Massa Carrara rimasto in linea e il II/74° iniziarono l'attacco ad ondate precedute da pattuglie di arditi, ma giunti oltre i reticolati avversari furono fortemente battuti dal tiro di artiglierie e bombarde che inflisse loro notevoli perdite, per cui furono costretti prima ad arretrare, indi a retrocedere.
Altri due tentativi non ebbero migliore esito. A sera la Lombardia manteneva con due battaglioni le pendici Ovest di quota 464 e attendeva di riordinare gli altri suoi reparti per poter dare, poi nuovo impulso all'azione.



Mappa della zona del Dosso Faiti con le quota 464 e 378:





Ringrazio il nipote Franco Bertuzzi

martedì 7 luglio 2015

Capitano CORIS Gaetano






18° Reggmento Artiglieria da Campagna

Nato a Verona il 6 Agosto 1892
Morto il 29 Giugno 1916 a Palmanova
Sepolto al Tempio Ossario di Udine


Decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare 

Mirabile esempio ai suoi dipendenti, diresse per vari giorni, con perizia e ardimento, il tiro della sua batteria, coadiuvando efficacemente l’avanzata della fanteria, nonostante il violento e preciso fuoco dell’avversario. Investito accanto ai suoi pezzi da una nube di gas asfissianti, spirò poco dopo.- San Martino del Carso 28-29 giugno 1916



Tratto dal libro: "Storie di Uomini al Fronte di San Martino del Carso 1916" di Gianfranco Simonit

Dall'osservatorio di Medea un ufficiale di Artiglieria del Comando d'armata scrisse:

...all'improvviso come da tanti camini vidi levarsi una nube che però in un primo momento si confuse con la foschia, dopo un poco le prime salve di artiglieria nemica andarono ad abbattersi nella zona di Sdraussina e di Castelnuovo...cercai di metteri in contatto con un osservatore del 10° Fanteria Regina, ma non mi rispose, anche gli altri osservatori collegati con la primissima linea non rispondevano, da lassù dove i nostri reparti erano arrivati il giorno prima non vi era alcun segno di vita... Il Generale Sailer responsabile del settore ci comunicò che era in atto un attacco con aggressivi chimici e che i soldati stavano abbandonando le posizioni investire.


Mappa con la zona dove è stato effettuato l'attacco dei gas da parte degli Austriaci il 29 Giugno 1916: